La Rete

LA RETE DIGITALE PUÒ ESSERE UN LUOGO RICCO DI UMANITÀ, NON UNA RETE DI FILI MA DI PERSONE UMANE.
Papa Francesco

BENVENUTO

BENVENUTO E GRAZIE PER IL TEMPO CHE DEDICHI A QUESTO BLOG. MI FA DAVVERO PIACERE CHE TU SIA QUI CON TUTTE LE SCELTE POSSIBILI CHE INTERNET OFFRE OGGI. SENTITI LIBERO DI CONDIVIDERE E COMMENTARE. I TUOI COMMENTI ARRICCHIRANNO IL BLOG E CHIUNQUE PASSERÀ DI QUI. SE LO DESIDERI PUOI ANCHE SCRIVERMI UTILIZZANDO
Il Modulo di Contatto Blog o SCRIVENDOMI A QUESTO INDIRIZZO DI POSTA ELETTRONICA
sinforosacastoro@gmail.com

AGORÁ

AGORÁ. È L'ANIMO CHE DEVI CAMBIARE NON IL CIELO SOTTO CUI VIVI. L.A.Seneca.

GRAZIE DELL'ATTENZIONE

domenica 3 marzo 2013

Linguaggio Grafico-Figurativo nel bambino/a dai tre ai sei anni

Alcuni semplici e sintetici post sull'evoluzione del linguaggio grafico figurativo nel bambino/a per meglio comprendere i disegni dei nostri bambini.
L'uomo comunica con il suo ambiente per mezzo di: Gesti, Parole, Suoni e Rumori e Disegni.
                                                                                                                     

I gesti sono un linguaggio Gestuale.
Le parole sono un linguaggio Verbale.
I suoni e rumori sono un linguaggio Musicale.
I disegni sono un linguaggio Grafico-Figurativo.

1° Stadio  = Stadio dello SCARABOCCHIO
Definizione giusta se si considera il tipo di disegno!... Ma un'analisi attenta ci porta a scoprire che lo scarabocchio è la "base" del linguaggio grafico-figurativo.
In questo stadio il bambino/a non ha bisogno d'essere incoraggiato da adulti; disegna spontaneamente con moltissimo entusiasmo e il movimento gli dà gioia: "Gioia del movimento".
Ogni scarabocchio rispecchia precisi movimenti che il bambino via via scopre.

DISEGNO N. 1: GROVIGLIO PRIMITIVO


La spalla-il braccio-la mano si muovono sul foglio e lasciano la traccia.
Il movimento è ampio e circolare, il bambino/a ha bisogno di fogli grandi.
                                           
DISEGNO N. 2: CROCE PRIMITIVA


Il movimento è più controllato e si svolge in due direzioni: verticale- orizzontale.

DISEGNO N. 3: LINEA A ZIG - ZAG


Movimento sempre più controllato e padroneggiato. La linea non rappresenta oggetti, fatti, anche se il bambino/a tenta di verbalizzarla: «Ho fatto la strada... Ho fatto... ».
Continua...
sinforosa castoro


2 commenti:

  1. Carissima i tuoi post sono molto interessanti, erano anni che cercavo informazioni sul disegno dei bambini. Ti seguirò davvero con piacere in questa bellissima scoperta!Grazie di avermelo ricordato!

    RispondiElimina
  2. Cara Federica i miei post sull'argomento sono proprio all'osso, desidero dire poche cose ma che siano chiare e verificabili da voi mamme, spero di riuscire. Se trovi che i post siano utili, per favore, passaparola ad altre mamme.
    A ogni modo, in libreria ci sono parecchie pubblicazioni sul disegno infantile.
    ciao e un bacetto alla piccola.
    sinforosa castoro

    RispondiElimina

COMMENTI, SUGGERIMENTI, CRITICHE SONO BEN ACCETTI IN QUESTO BLOG.

ULTIMI COMMENTI