La Rete

LA RETE DIGITALE PUÒ ESSERE UN LUOGO RICCO DI UMANITÀ, NON UNA RETE DI FILI MA DI PERSONE UMANE.
Papa Francesco

BENVENUTO

BENVENUTO E GRAZIE PER IL TEMPO CHE DEDICHI A QUESTO BLOG. MI FA DAVVERO PIACERE CHE TU SIA QUI CON TUTTE LE SCELTE POSSIBILI CHE INTERNET OFFRE OGGI. SENTITI LIBERO DI CONDIVIDERE E COMMENTARE. I TUOI COMMENTI ARRICCHIRANNO IL BLOG E CHIUNQUE PASSERÀ DI QUA. SE LO DESIDERI PUOI ANCHE SCRIVERMI UTILIZZANDO
Il Modulo di Contatto Blog O SCRIVENDO A
sinforosacastoro@gmail.com

AGORÁ

AGORÁ. È L'ANIMO CHE DEVI CAMBIARE NON IL CIELO SOTTO CUI VIVI. L.A.Seneca.

GRAZIE PER L'ATTENZIONE

martedì 30 dicembre 2014

La pazienza

Quando ho piantato il mio dolore nel campo della pazienza, ho raccolto il frutto della felicità.
Gibran Kahlil Gibran




sinforosa castoro

lunedì 29 dicembre 2014

Mio marito è assente

In treno a volte è impossibile non ascoltare le parole di chi ti viaggia accanto e nel mio ultimo viaggio con questo mezzo fantastico (qualche settimana fa), sono stata testimone di un dialogo fra due signore di una certa età (non ho capito bene se viaggiavano insieme o se si erano conosciute lì per lì, di sicuro non hanno lesinato a raccontarsi cose personali di un certo spessore). In poche parole l'una confidava all'altra il suo grosso problema di un marito che alza troppo il gomito, mentre l'altra si lamentava di un marito troppo apatico, taciturno e assente. Problemi grossi che, se protratti nel tempo, possono distruggono la pace e la serenità di una famiglia. Mentre scendevo dal treno mi domandavo quali soluzioni possibili in casi di familiari dipendenti dall'alcol o dalle droghe o familiari che, seppur presenti fisicamente, restano assenti alla vita di chi si muove attorno a loro.

sinforosa castoro

domenica 28 dicembre 2014

Una storia che prufuma di favola: la storia di Giangiorgio

Era una fredda sera d'autunno e la maestra Sinforosa doveva correre a un incontro con altre maestre. Appena arrivata a casa da scuola, si preparò un caffè, sgranocchiò qualche biscotto, si lavò i denti e via, di nuovo in bici per raggiungere l'altra scuola. Dopo aver percorso una via larga, girò a destra e lì per lì si domandò cos'era quel foglietto di carta che svolazzava di qua e di là. Le ci volle solo un attimo per capire che il foglietto di carta era invece un piccolo e impaurito canarino.
«Lo prenda, lo prenda» le gridò un signore che veniva dalla parte opposta della via.
«Ma no, non posso e poi devo andare a scuola, mi scusi».
«Ma lo prenda, mi aiuti».
Sinforosa appoggiò la bicicletta al muro e cominciò a rincorrere l'uccellino che faceva dei voletti e poi si rintanava in qualche cantuccio della via lunga e stretta.
«Adesso lo prendo io», assicurò il signore, che nel frattempo si era tolto la giacca per gettarla addosso al piccolo pennuto. Ma niente, il canarino riusciva ogni volta a sfuggire a qualsiasi presa e, con fatica, riprendeva i suoi brevi e incerti voletti.
«Mi dispiace ma io devo proprio andare. Devo andare a una riunione e sono già in ritardo. Buonasera».
«Ma no, aspetti, glielo prendo».
«Le ho detto che non posso e poi non vado a casa, dove lo metto? Lo dia a quella signora».
Sì, perché proprio in quel momento, all'inizio della via c'erano una signora con un bambino. Senza più voltarsi indietro, Sinforosa svoltò a sinistra e filò via a rotta di collo.
Finì alle sette di sera, quella riunione, e quando uscì da scuola era buio pesto. Sinforosa si diresse verso casa e nell'imboccare la via stretta e lunga era inevitabile che il suo pensiero andasse al canarino. Magari qualcuno lo ha preso o magari è già morto, poverino. Nel pensare a queste cose, gettava gli occhi di qua e di là negli anfratti più bui per assicurarsi che non fosse lì. No, non c'è, meno male, magari si sarà salvato e, pensando a questo lieto fine, giunse davanti a casa. «Oh Signore! Eccolo lì».
Proprio nella lancia di luce del lampione che illumina il cortile della casa di Sinforosa, ecco un batuffolo rannicchiato e tremante: era lui, il canarino. Dopo ben due ore e più di voli e voletti fra traffico e persone, si era rintanato proprio lì, nel pezzetto di cortile illuminato dal lampione, se non si fosse rannicchiato in quella lama di luce nessuno si sarebbe accorto di lui, nemmeno Sinforosa e durante la notte sarebbe morto di sicuro. E fu così che Giangiorgio arrivò a casa della vostra maestra.
«Vi è piaciuta?».
«Sìììì. La racconti ancora?».















Era martedì 12 Novembre 2013 giornata uggiosa.
Sabato 27 Dicembre 2014 neve.

sinforosa castoro

sabato 27 dicembre 2014

È morto Giangiorgio

Stamattina è cominciata un po' male, per il mio canarino. Ho visto subito che non era in forma come al solito, sarà per via della neve, mi son detta, gli animali sono talmente sensibili a tutto! Nel giro di poche ore, però, tutto è precipitato: respiro affannoso, il capino sotto l'ala, niente cibo o biscottino, insalata o acqua. Ho chiamato la veterinaria che mi ha detto che c'era poco da fare, non ho fatto in tempo a mettere giù il telefono che lui, Giangiorgio, era già morto. Non mi sembra vero, che tristezza.
Ciao, mio piccolo amico canterino, hai donato gioia a questa casa con il tuo bel canto, ora vola là, in compagnia degli angeli tuoi amici.


sinforosa castoro

venerdì 26 dicembre 2014

L'amore infinitamente più infinito viene ad afferrarci

 Non siamo in grado di muoverci verticalmente. Non possiamo fare neppure un passo verso il cielo. Dio attraversa l’universo e viene fino a noi. Al di là dello spazio e del tempo infinito, l’amore infinitamente più infinito di Dio viene ad afferrarci. Viene quando è la sua ora. Noi abbiamo facoltà di acconsentire ad accoglierlo o di rifiutare. Se restiamo sordi, egli torna e ritorna ancora, come un mendicante; ma un giorno, come un mendicante non torna più.
Se noi acconsentiamo, Dio depone in noi un piccolo seme e se ne va. Da quel momento, a Dio non resta altro da fare, e a noi nemmeno, se non attendere. Dobbiamo soltanto non rimpiangere il consenso che abbiamo accordato, il sì nuziale. Non è facile come sembra, perché la crescita del seme, in noi, è dolorosa. 
Simone Weil 

sinforosa castoro

mercoledì 24 dicembre 2014

È nato Gesù. Buon Natale 2014

È nato Gesù, che darà il perdono ai nemici,
vincerà il male col bene e comanderà l'amore a tutti...
Adoriamo, o fratelli, adoriamo!
E che tutta la terra lo adori e Lo ami, 
e inneggi a Gesù, Dio d'amore!
... e tutta la nostra vita sia
un cantico d'amore a Dio e al prossimo. 
San Luigi Orione


A tutti voi, lettori e lettrici e a tutti coloro che raggiungete, un sincero augurio di un Santo Natale di pace, serenità e affetto, e che l'amore non manchi a nessuno.

sinforosa castoro

lunedì 22 dicembre 2014

Il Presepe

«Maestra, maestra, facciamo il presepio?». 

... E ci mettiamo all'opera: dopo aver modellato e colorato le statuine, stropicciamo la carta, raccogliamo erba e rami di pino, coloriamo la stella, mettiamo l'Angelo, le luci...









Eccolo qua, il nostro presepe. Adesso, tutti i bambini, cristiani e non, ne possono godere.


E voi, maestre, fate ancora il presepio nelle vostre scuole? E a casa, chi lo fa ancora?

sinforosa castoro

domenica 21 dicembre 2014

Santa Claus is coming to town

Per tutti i bambini e bambine e per la bambina e il bambino che è rimasto in noi.




sinforosa castoro

sabato 20 dicembre 2014

L'albero di Natale

Con tante impronte e un po' di tesserine ritagliate e incollate, facciamo un bellissimo albero di Natale.




sinforosa castoro

mercoledì 17 dicembre 2014

Scuola in fermento

Scommetto che ogni scuola dell'infanzia, dalla più piccola alla più grande, in questi giorni sia in fermento: doni da preparare per mamma e papà, biglietti augurali, alberi e presepi da allestire, canti e poesie, filastrocche e drammatizzazioni, disegni e lavori plastici, decorazioni e... Festa di Natale. Già, la Festa di Natale a cui tutti i genitori, nonni, cugini, zie e zii, e chi più ne ha più ne metta, partecipano, scattando foto a destra e a manca al proprio bambino.
Anche la mia scuola è in fermento, non avete idea. Bambini che vanno e vengono, collaboratori che spostano tavoli, panchine, maestre scapigliate e indaffarate, su e giù dal palco e il microfono che non va, e quel bambino che non collabora, e quello che urla nel bel mezzo delle prove e quella bimba che anziché abbracciare il compagno lo strozza, insomma... questo è il magico mondo della scuola dell'infanzia sotto natale; non è stupefacente?

sinforosa castoro

martedì 16 dicembre 2014

Analisi di un'opera.

Dopo il racconto e la conversazione sulla nascita di Gesù, i bambini realizzano un cartellone. Osserviamo da vicino i particolari di questa icona del Natale.




La grotta, con Gesù, Maria e Giuseppe, l'asino e il bue.

Gli Angeli di destra.
  Gli  Angeli di sinistra.












I pastori con le pecore.













I Re Magi e le persone.









sinforosa castoro

lunedì 15 dicembre 2014

Grazie santa Lucia

«Maestra, lo sai che Santa Lucia mi ha portato un gatto finto?».
«A me quello che dà i pugni».
«E a me la principessa, quella con la treccia che è di carta».
«A me ha portato tanti cioccolatini e tanti regali, anche da mia nonna e anche da mia nonna, l'altra».
«Anche a me da mia nonna e poi a casa mia e poi anche da mia zia e adesso ho la cameretta che è tutta piena di giocattoli che mia mamma mi ha detto che non ci stanno più, ma non è vero!».
«A me ha portato i Lego e poi anche tutte, tre (e fa segno con le dita) scatole per fare i puzzle».
«Lo sai che a me ha portato il bambolotto, quello che poi fa anche la pipì?».
«Ma che meraviglia, bambini, vuol dire che siete stati bravissimi. Sì, aspetta un attimo, dopo mi racconti. Ma, bambini, a scuola Santa Lucia ha portato qualcosa?».
«Ma sìììì, vieni a vedere, vieni» e mi trascinano nell'angolo dove ci sono pacchi e pacchetti di animali e costruzioni, nuove di zecca.
«Siete contenti?».
«Sììì, sai che l'asinello ha sporcato dappertutto con il fieno? Tutto per terra!».
«È uno sbrodolone, poverino, sarà stato un po' stanco».
«Sì, era stanco».
E corrono via a giocare.


sinforosa castoro

domenica 14 dicembre 2014

Pregate ininterrottamente

"Fratelli siate sempre lieti, pregate ininterrottamentein ogni cosa rendete grazie: questa è infatti la volontà di Dio in Cristo Gesù verso di voi. Non spegnete lo Spirito, non disprezzate le profezie. Vagliate ogni cosa e tenete ciò che è buono. Astenetevi da ogni specie di male. Il Dio della pace vi santifichi interamente, e tutta la vostra persona, spirito, anima e corpo, si conservi irreprensibile per la venuta del Signore nostro Gesù Cristo. Degno di fede è colui che vi chiama: egli farà tutto questo!" I Tessalonicesi 5,16-24

  • Siamo alla terza domenica di Avvento e la Parola del Signore ci esorta, attraverso la voce del Battista (vi consiglio di leggere il Vangelo di oggi: Gv. 1,6-8. 19-28e quella di San Paolo ai cristiani di Tessalonica, di essere lieti, sempre. 
  • Certo, San Paolo sa benissimo che per tutti noi, e per ciascuno di noi, ci sono giorni sì e giorni no, ci sono problemi e sofferenze, lutti e lontananze, incomprensioni e delusioni, tuttavia ci esorta a essere sempre lieti nel Signore. Per essere lieti, nonostante tutto, l'apostolo ci invita a pregare ininterrottamente e a rendere grazie a Dio. Ci invita anche a vagliare ogni cosa e a tenere ciò che è buono e ad astenerci da ogni genere di male. Chiediamo l'aiuto di Maria, che è donna orante, prudente, e senza ombra di peccato.


sinforosa castoro

sabato 13 dicembre 2014

Camminare nella vita


Il grande segreto è camminare attraverso la vita senza essere consumati. E questo è possibile a chi non si appoggia su persone o su avvenimenti ma, in ogni circostanza, si riporta a  stesso e cerca in  stesso il senso ultimo delle cose
Albert Schweitzer (1875-1965) 
Premio Nobel per la Pace nel 1952




sinforosa castoro

venerdì 12 dicembre 2014

Le stelline di Santa Lucia

Prepariamo i biscottini per la Santa più amata dai bambini: le stelline di Santa Lucia

3 hg. farina
1 hg. e mezzo di zucchero
1 hg. di burro
1 uovo
1 bustina di vanillina

Impastiamo gli ingredienti, facciamo riposare in frigo, stendiamo col mattarello, con le formine facciamo tanti biscottini che inforniamo a 180° per 15/20 minuti. Decoriamo a piacere. Mi raccomando, qualche biscotto lasciamolo per lei.



sinforosa castoro

giovedì 11 dicembre 2014

Santa Lucia vieni presto a casa mia

Santa Lucia, Santa Lucia vieni presto a casa mia.
Acqua e fieno per l'asinello,
per fargli fare un viaggio più bello,
 caldo latte in tazza per te,
con due biscotti fatti da me.
Un grosso cero sul davanzale, 
che ti dà luce come un fanale,
in questa notte fredda e scura 
nessun bimbo ha più paura.
Santa Lucia, Santa Lucia vieni presto a casa mia.


di sinforosa castoro

mercoledì 10 dicembre 2014

I miracoli dei bambini

Lui è straniero, non parla ancora bene l'italiano, non fa educazione religiosa, ha quattro anni e incomincia adesso a disegnare l'omino, abbastanza competo.
«Maestra, ha visto?».
«È proprio bello, l'hai fatto tu?».
«Sì, io, io».
«È molto bello, è un omino?».
«No. No o-omino, no».
«Chi hai disegnato?».
«Que-quello lì» e indica l'immagine di Gesù Bambino in braccio a Maria.
«Hai disegnato Gesù Bambino?».
«Sì, si, dgesù papino».
«Di' bene "Gesù Bambino"».
«Sì, quelo, quelo».
«Sei stato molto bravo, vuoi metterlo insieme agli altri?».
«Sì, metto lì». E lo va a depositare dove tutti i suoi amichetti, che fanno educazione religiosa, hanno posto il loro Gesù Bambino.


sinforosa castoro

martedì 9 dicembre 2014

Primi mesi di scuola

Un post di Mammavvocato mi stimola a trattare alcuni "problemi" legati ai primi mesi di frequenza dei bimbi treenni. È del tutto normale che i bambini "piccoli" facciano storie al momento dell'ingresso alla scuola, l'importante è che durante la giornata scolastica non abbiano a piangere o reclamare la mamma in continuazione e quindi, care mamme, chiedete alle insegnanti come va il vostro bimbo durante la giornata. È frequente che bambini che piangono al momento dell'ingresso alla scuola o addirittura al momento del distacco, dopo due minuti dalla separazione dalla mamma, incominciano a vivere la loro giornata scolastica in modo sereno e libero; questa conferma da parte delle insegnanti dovrebbe rilassare la mamma (ricordo a tutti che i bambini assorbono, come carte assorbenti, le nostre emozioni).
Generalmente a questa età è auspicabile far manipolare e far sperimentare. I bambini manipolano farine, sabbia, paste modellabili, giochi, costruzioni. Sperimentano l'uso di pennarelli a punta grossa, acquerelli, tempere; non perché le maestre "fanno di meno", ma perché a quest'età il bambino ha proprio necessità di queste esperienze per poter passare alle fasi successive di sviluppo. A volte capita che ci siano genitori che elogiano il figlio perché sa contare - a parte che un conto è saper contare come si fa con una bella filastrocca e un altro è avere la concezione di quantità, concetto che arriva molto più in là negli anni -  e magari non sa usare le mani per manipolare o mangiare autonomamente. 
Sul fatto poi che ci siano bambini che raccontano tutto, magari dando la loro versione, e altri che non dicono un bel niente, anche questo è del tutto normale, tranquilla, mamma. Ci vuole pazienza e rispetto per i loro tempi, che non sono quelli della mamma , del papà o delle insegnanti, e  pian pianino (magari anche dopo due anni) il bambino racconterà.
A proposito, se a qualche mamma interessa, l'etichetta linguaggio grafico-pittorico 3-6 anni potrebbe esservi di aiuto.




sinforosa castoro

domenica 7 dicembre 2014

Preparate la via

Una cosa non dovete perdere di vista, carissimi: davanti al Signore un solo giorno è come mille anni e mille anni come un solo giorno. II Pietro 3,8.

Inizio del vangelo di Gesù Cristo Figlio di Dio secondo quanto è scritto nel profeta Isaia: «Ecco, io mando il mio messaggero davanti a te, egli ti preparerà la strada."Voce di uno che grida nel deserto: preparate la strada del Signore, raddrizzate i suoi sentieri"». Venne Giovanni che battezzava nel deserto predicando un battesimo di conversione per il perdono dei peccati. E tutto il paese della Giudea e tutti quelli di Gerusalemme accorrevano a lui ed erano da lui battezzati nel fiume Giordano, confessando i loro peccati. Giovanni era vestito di pelo di cammello, con una cintura di cuoio intorno ai fianchi, e si nutriva di cavallette e di miele selvatico. E predicava, dicendo: «Dopo di me viene colui che è più forte di me; al quale io non sono degno di chinarmi a sciogliere il legaccio dei calzari. Io vi ho battezzati con acqua, ma lui vi battezzerà con lo Spirito Santo». Mc. 1,1-8


  • Il tempo che ci è concesso è quello necessario per la nostra conversione. Conversione del cuore, dei sentimenti e desideri, delle azioni e atteggiamenti. Cerchiamo di usare bene ogni singolo attimo che il Signore ci concede.


sinforosa castoro

sabato 6 dicembre 2014

Se ami una persona

Se ami una persona, lasciala andare, perché se ritorna è sempre stata tua. 
E se non ritorna non lo è mai stata.
Gibran Kahlil Gibran 



sinforosa castoro

venerdì 5 dicembre 2014

L'evoluzione dell'omino

Lui ha quattro anni e prepara gli omini da colorare per i compagni che non sanno ancora farli. Nonostante il ciuccio lì accanto, che gli dà sicurezza, ha una bella motricità fine. Bravo, e altruista.































sinforosa castoro

giovedì 4 dicembre 2014

La mia collega parte seconda

Cara Maestra Maria nel tuo scritto ho percepito non solo la sofferenza e l'insofferenza che racconti, ma anche una specie di rimpianto per quella tua collega che fu. È probabile che gli anni passati nella scuola - oggi sono davvero tanti, quarantadue e più - ed eventuali problemi personali, uniti a un carattere già "suscettibile", come tu descrivi, abbiamo cambiato in peggio quella persona che tu hai sempre considerato anche amica. Certo sei stata molto paziente nel cercare di dare un'immagine positiva anche quando positiva non era, poi, è naturale, si soccombe. Purtroppo, di persone come quella tua collega ce ne sono tantissime e in ogni ambiente lavorativo, e questo, inevitabilmente, condiziona tutto l'andamento del lavoro. In ambito scolastico poi è ancora peggio, perché i bambini, come dice bene una lettrice in risposta al post, assorbono gli umori degli adulti, e quando questi sono di rivalsa, invidia, rabbia, scontentezza perenne, non possono che fare male, ma la psicologia ci viene in aiuto nel dare un nome a questi sintomi; forse quella tua collega dovrebbe farsi aiutare da qualche specialista nell'affrontare i suoi problemi e magari risolverli, perché, non dimentichiamolo, la prima a star male penso proprio sia stata lei. Ritornando al discorso, la scuola è un po' come una famiglia e la coppia delle insegnanti diventa un punto di riferimento importante per i bambini. Quanto più c'è serenità e collaborazione fra le insegnanti, tanto più i bambini respirano un'aria positiva, serena. Ora, sono contenta per te e per la vostra scuola, pare che la nuova collega abbia spazzato via tutte le nebbie e il sole brilli di nuovo su di voi, a volte basta davvero poco. Auguro a te e alle tue colleghe tanti anni gioiosi in compagnia dei vostri bambini. Mi raccomando, vieni ancora a trovarmi e raccontaci, se vuoi.


  
sinforosa castoro

lunedì 1 dicembre 2014

La mia collega

Cari lettori, che ne dite?
Carissima Sinforosa, 
ho letto il tuo post e mi piace, come quello precedente, tuttavia non è sempre facile. Io sono una maestra come te e per anni ho avuto una collega che ho sempre considerato anche amica. Non so se a lei ho dato qualcosa, lei certamente mi ha dato molto, all'inizio però, poi mano mano gli anni passavano era diventata sempre più scontenta, polemica. In verità queste caratteristiche le aveva sempre manifestate, ma io cercavo di farle "cambiare discorso" e allora ci si divertiva e si era capaci anche di ridere. Gli ultimi anni invece sono stati molto, molto faticosi. Iniziava già dal mattino ad avercela col mondo intero: con il vestito della collega, col modo di parlare della collega, col modo di fare della collega, con l'attività che faceva la collega, con gli addobbi delle aule che faceva la collega, con la realizzazione delle feste che organizzavano le colleghe, con i regalini per mamma e papà fatti fare dalle colleghe, col comportamento della collega quando... Insomma, ogni parola, azione, atteggiamento era da lei criticato e giudicato, chissà perché, sempre negativamente. Io cercavo di prendere le difese di questa o quella collega dicendo che ognuno ha il diritto di fare, parlare e pensare come vuole, ma queste mie parole erano il pretesto per mandarla su tutte le furie e il bello è che a quel punto andavo anch'io su tutte le furie. Lei mi mandava letteralmente fuori dei gangheri. Le critiche, ovviamente, erano anche per me. Ero addirittura arrivata a inibire gli atteggiamenti spontanei di affetto dei bambini nei miei confronti per non irritarla. Qualche anno fa è andata in pensione e, nonostante tutto, ero preoccupata: chissà come sarebbe stato con la nuova collega? Ebbene, la nuova collega mi ha fatto rinascere. E’ una collega, gioiosa, attiva, positiva, con lei si può parlare liberamente e in serenità, non c’è bisogno di calibrare le parole, non si rischia di essere fraintesi e buttare in piedi una discussione infinita. Insomma, in classe, ma anche nella scuola – a detta di tutte le colleghe – si respira un’aria leggera. Si comunica, si scherza, si collabora, si fa a gara nell'apprezzare le doti altrui. Ho rivisto la collega in pensione e mi ha chiesto come andava. Nonostante sapessi già la sua reazione, non ho voluto negarle che la collega è veramente in gamba. Come da copione lei ha cominciato a lanciare critiche a me, alla collega, alla scuola. Pazienza, non glielo detto per offenderla, ma solo per rispondere liberamente alla sua domanda. Ciao Maestra Sinforosa 
Maestra Maria su Fare spazio all'altro
Pubblica | Elimina | 




sinforosa castoro

domenica 30 novembre 2014

Primo dell'anno 30 novembre 2014

Oggi è il primo giorno dell'anno liturgico. Oggi inizia l'Avvento, un tempo di grazia per tutti noi cristiani che spesso dimentichiamo qual è la nostra meta. E come nella vita quando si perde la strada o il sentiero che ci porta al rifugio cominciamo a vagare di qua e di là, anche nella vita di fede se non teniamo ben in mente la meta da raggiungere, rischiamo di vagare in ogni dove, a vuoto e confusi. Il Signore se ne è andato, certo, ma ha lasciato un compito specifico per ciascuno di noi, quale onore! il Dio del mondo si fida a tal punto di te che solo e soltanto tu puoi portare a termine quell'incarico che ti ha affidato. Il Signore se ne è andato, certo, ma, non solo ci è sempre accanto nel dono dell'Eucaristia, il Signore ritornerà.

"In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: "State attenti, vegliate, perché non sapete quando sarà il momento preciso. È come uno che è partito per un viaggio dopo aver lasciato la propria casa e dato il potere ai servi, a ciascuno il suo compito, e ha ordinato al portiere di vigilare. Vigilate dunque, poiché non sapete quando il padrone di casa ritornerà, se alla sera o a mezzanotte o al canto del gallo o al mattino, perché non giunga all'improvviso, trovandovi addormentati. Quello che dico a voi, lo dico a tutti: vegliate!". Mc. 13,33-37
sinforosa castoro

sabato 29 novembre 2014

L'invidia e l'amico


È nel carattere di pochi uomini onorare senza invidia un amico che ha fatto fortuna. 
Eschilo



sinforosa castoro

giovedì 27 novembre 2014

Supplenti? No, grazie

Chi di voi è a conoscenza che nelle scuole dell'infanzia statali - almeno qui dalle mie parti - da un po' di anni a questa parte non rimpiazzano più l'insegnante assente per malattia con una supplente? Ebbene sì, purtroppo è vero. Chiedono la disponibilità a insegnanti di ruolo per supplire la collega assente, almeno per il primo o secondo giorno, dietro una ricompensa, è ovvio, e non chiamano la supplente. È una cosa assurda per vari motivi. Le supplenti lavorano molto meno e noi a scuola siamo in serie difficoltà, anche solo per dover organizzare i turni per non lasciare i bambini "scoperti". Se si pensa che nelle nostre scuole i bambini presenti giornalmente sono 28 per sezione e che negli ultimi anni si sono moltiplicati i bimbi "anticipatari", quelli cioè che compiono 3 anni a Gennaio, potete ben capire, anche ai non addetti ai lavori, che non è cosa facile garantire assistenza e attività didattica qualificata. Abbiamo protestato, ci siamo rifiutate in nome della legge che dichiara che nella scuola dell'infanzia l'insegnante assente deve essere sempre supplita, alla fine abbiamo ceduto e in ogni scuola c'è almeno un'insegnante che dà la sua disponibilità a supplire la collega assente. Mi direte, e perché tutto questo? Be', loro, segreteria e company, dicono che non si trovano supplenti, ma sarà vero? Forse mancano i soldi per pagare le supplenti? Sta di fatto che una collega prima di chiedere giorni per malattia ci pensa cento volte, per non mettere in difficoltà colleghe e bambini, ma tutto questo è giusto?

sinforosa castoro

mercoledì 26 novembre 2014

La pannocchia

Su una sagoma di cartone a forma di pannocchia, stendiamo un po' di pasta modellabile indurente, la lavoriamo con le nostre manine e formiamo i chicchi della pannocchia e le sue "foglie". Finalmente è asciutta. Ora la coloriamo con le tempere e la regaliamo a mamma e a papà.



sinforosa castoro

martedì 25 novembre 2014

Fare spazio all'altro

Sull'onda della riflessione di ieri.
L'io per crescere ha bisogno di fare spazio all'altro, non c'è niente da fare. Quando l'io è centrato solo su di sé, l'altro inevitabilmente diminuisce. Al contrario quando l'altro cresce, l'io egoistico diminuisce. È solo quando si dà spazio all'altro e si mortifica l'io egoistico che c'è vera carità, vera condivisione, vera comprensione e vero rispetto per l'altro. È allora che l'io cresce, cresce in umanità, in spessore etico, cresce in amore autentico e gratuito.



sinforosa castoro

lunedì 24 novembre 2014

Ogni persona è unica

Ogni persona che passa nella nostra vita è unica.
Sempre lascia un po’ di sé e si porta via un po’ di noi.
Ci sarà chi si è portato via molto,
ma non ci sarà mai chi non avrà lasciato nulla.
Questa è la più grande responsabilità della nostra vita
e la prova evidente che due anime non si incontrano per caso.
Jorge Luis Borges


sinforosa castoro

ULTIMI COMMENTI