La Rete

LA RETE DIGITALE PUÒ ESSERE UN LUOGO RICCO DI UMANITÀ, NON UNA RETE DI FILI MA DI PERSONE UMANE.
Papa Francesco

BENVENUTO

BENVENUTO E GRAZIE PER IL TEMPO CHE DEDICHI A QUESTO BLOG. MI FA DAVVERO PIACERE CHE TU SIA QUI CON TUTTE LE SCELTE POSSIBILI CHE INTERNET OFFRE OGGI. SENTITI LIBERO DI CONDIVIDERE E COMMENTARE. I TUOI COMMENTI ARRICCHIRANNO IL BLOG E CHIUNQUE PASSERÀ DI QUA. SE LO DESIDERI PUOI ANCHE SCRIVERMI UTILIZZANDO
Il Modulo di Contatto Blog o SCRIVENDOMI A QUESTO INDIRIZZO DI POSTA ELETTRONICA
sinforosacastoro@gmail.com

AGORÁ

AGORÁ. È L'ANIMO CHE DEVI CAMBIARE NON IL CIELO SOTTO CUI VIVI. L.A.Seneca.

GRAZIE DELL'ATTENZIONE

lunedì 31 dicembre 2012

Filastrocca del Buon Anno

Buon anno a mamma e a papà,
Buon anno a te e a tutti i bimbi come me.
Buon anno ai buoni e ai monelli,
a quelli belli e poco belli.
Buon anno a quelli che stanno vicino
e che mi danno un bel bacino.
Buon anno anche ai lontani
che mi salutano con le mani.
E se qualcuno ho dimenticato,
un buon anno nel mio cuore ho augurato.

Calendario di Gennaio 2013 realizzato da G.M. anni 5

di sinforosa castoro

Buon Anno 2013

Come ogni fine anno ci ritroviamo a fare i conti coi dodici mesi appena passati e ci sembra che alla fine di ogni anno sia sempre la stessa solfa: solite persone, solito lavoro, solite vacanze, soliti amici; un tran tran poco entusiasmante che si è protratto lungo tutto l'anno ... meno male, dico io. Sì, perché forse non ci rendiamo conto che questo solito tran tran, questa normalità, questa ordinarietà è il dono più bello che si possa ottenere e desiderare anche per il 2013.
Perché? Andatelo a chiedere a chi in questo anno si è visto portare via la casa da eventi naturali o da guerre insulse, a chi ha perso un lavoro, a chi si è visto portare via un genitore, un figlio, un coniuge, un fratello o chicchessia per un incidente o per malattia, per la droga, l'alcol o per un omicidio o suicidio, andatelo a chiedere ai milioni di bambini abortiti legalmente o morti di fame e di sete o buttati sui marciapiedi, alla moltitudine di gente che vive con meno di un euro al giorno...
La lista sarebbe lunga e per alcuni anche un po' fastidiosa, soprattutto oggi che si deve brindare al nuovo anno.
Ebbene, non credete che tutte queste persone desidererebbero dire anche loro: «Be', anche quest'anno è passato in modo normale»? Buon Anno a tutti e che ciascuno sappia guardare all'anno passato con gratitudine e a quello nuovo con speranza.



sinforosa castoro

venerdì 28 dicembre 2012

La preghiera respira con me

Oggi è una splendida giornata invernale, dalle mie parti splende un sole quasi primaverile, che ha fatto asciugare la biancheria... non è meraviglioso?
In questi ultimi anni apprezzo sempre di più i ritmi lenti che mi lasciano tempo per fare le cose di casa senza guardare l'orologio, mi lasciano tempo da dedicare alle persone care, tempo per la lettura, l'uncinetto, per scrivere, pregare.

No, a dire il vero per la preghiera non è necessario avere ritmi lenti, quella la si può fare sempre, anche con ritmi serrati; per me è come il respiro: la preghiera respira con me.
Senza questo dialogo di lode e di supplica al Signore, molto di quello che faccio non avrebbe alcun senso.

sinforosa castoro

giovedì 27 dicembre 2012

Influenza e dintorni

Spesso mi è capitato di vedere bambini o bambine che a un tratto si siedono con un'espressione un po' sognate, quando fino a qualche attimo prima giocavano a più non posso con compagni e compagne.
«Come mai non giochi più?» domando, intuendo già la risposta.
«Sono stanco... ».
«Ho sonno... ». «Mh!».
Queste sono più o meno le risposte che mi danno. Io mi avvicino, li tocco in fronte e faccio misurare loro la febbre: 38, nei migliori dei casi.

"... Quand'ero piccolo sono andato all'ospedale". E. A. anni 3

Non so come facciano i bambini a soppportare così bene febbre, raffreddori che li intasano per giorni e giorni, tossi estenuanti e continuare a giocare, muoversi e correre come se niente fosse, finché... finché si arrendono e a quel punto hanno proprio bisogno della vicinanza della maestra che fa loro compagnia e li rassicura fino all'arrivo della mamma.

sinforosa castoro

mercoledì 26 dicembre 2012

Per chi il Natale 2012 sarà solo un giorno che separa "un prima da un dopo".

Natale è passato, ma non il tempo di natale, che durerà fino all'epifania, fino alla prima manifestazione pubblica di Gesù. Spero sia stato per tutti un Natale vissuto nel calore di una famiglia, con doni, sorrisi e auguri scambiati con vero affetto. Penso a tutti i miei bambini e bambine che hanno ricevuto un dono da Babbo Natale o da Gesù Bambino, penso alle tante amiche che hanno trascorso questo giorno in compagnia di figli, genitori, suoceri e  nipoti, ma non posso non pensare anche a tutti coloro che proprio ieri hanno perso una persona cara in quegl'incidenti automobilistici o in quegli attentati in Siria e in Nigeria. Un pensiero e una preghiera, non tanto per chi se n'è andato - Dio nella sua infinita misericordia li avrà sicuramente accolti, tutti, al banchetto eterno -, quanto a chi è rimasto qui, in quel dolore profondo dal quale, si crede, non si potrà mai più risorgere. Uniamoci tutti in un pensiero a questi nostri amici e amiche che stanno soffrendo e un abbraccio a tutti voi.


sinforosa castoro

lunedì 24 dicembre 2012

Buon Natale 2012

Orami ci siamo, sta per scoccare l'ora... è Natale. Buon Natale a tutti.
In questo momento mi vengono in mente le persone che trascorreranno questo giorno in ospedale o in un campo profughi o per strada a chiedere la carità; ai bambini che non avranno non solo nessun giocattolo, ma nemmeno qualcosa da mangiare. Mi si accavallano nella mente pensieri e ricordi, per esempio di chi non è più fra noi o di chi è molto lontano, mi passano davanti agli occhi immagini di ragazzini che s'accontentano di un barattolo di nutella per fare festa... Ecco, pensiamo anche a loro, a quanti nel mondo non faranno natale come noi.
Gesù è venuto nel mondo per condividere la nostra condizione umana, soprattutto la condizione di chi è più povero e diseredato. Lui, che è Dio, si è fatto piccolo piccolo, non dimentichiamolo, almeno in questo Santo giorno.



sinforosa castoro

domenica 23 dicembre 2012

Conto alla rovescia

Fra due giorni sarà Natale, abbiamo un mare di cose da fare, si sa, cerchiamo però di ritagliare un'oretta da dedicare ai nostri bambini, soprattutto in questi giorni che sono a casa da scuola.
Con delle carte colorate di caramelle (ma va bene qualunque tipo di carta o cartoncino, anche quello delle confezioni di biscotti) realizzate un alberello come questo o un presepe; sono semplici doni da regalare a nonni, zii e cuginetti e sono un modo per tenere accesa la fantasia dei nostri bambini.

Questi sono stati realizzati da bimbi di 4 e 5 anni


sinforosa castoro

sabato 22 dicembre 2012

Filastrocca dell'alberello

L'alberello di Natale
se ne sta sul davanzale
con le luci e le palline,
gli angioletti e le stelline.
"Sei piccino e non sei vero",
grida burbero e altero
un abete del giardino.
"Si, lo so,
non son vero e son piccino,
ma i miei rami addobbati
fanno festa al Bambino".



di sinforosa castoro

venerdì 21 dicembre 2012

A Natale lo sapete

A Natale lo sapete
c'è il bambino nel presepe
col suo babbo e la mamma sua
che gli canta la ninna nanna.
C'è il bue, l'asinello
la donnina col cestello,
al laghetto il pescatore,
con le pecore il pastore.
Tutti portano dei doni
a quel bimbo, poverello,
che ha nel cuore tanto amore
per chi quaggiù è nel dolore.



di sinforosa castoro

giovedì 20 dicembre 2012

Maestra ti voglio bene

In questo periodo le giornate a scuola sono frenetiche, sembra il laboratorio di Babbo Natale: c'è chi disegna, chi incolla, chi ritaglia e poi si canta, si danza, si addobba il salone per la festa di domani...
Ma oggi pomeriggio, in bagno, in un momento di sosta, un bambino mi si avvicina e, abbracciandomi le gambe - io ero in piedi - mi dice: «Maestra... » e mi guarda con occhi sognanti, «ti voglio bene».
«Anch'io» gli rispondo, «voglio bene a tutti».
E lui di rimando: «Domani, quando vado a casa, ti dico Buon Natale e ti abbraccio e ti do un bacio».
Io mi chino e gli do un bacio e in un attimo tutti quanti mi sono attorno.
sinforosa castoro
p.s. alcuni mi hanno chiesto di mostrare la fotografia di Dino, l'orsacchiotto, ecco a voi un'istantanea e due disegni che lo rappresentano.

Dino è un monello, gli piace farsi prendere in braccio. E  Rosa lo accontenta: lo porta a spasso per l'aula.


Dino nel ritratto di Eli e Dadi

mercoledì 19 dicembre 2012

Babbo Natale di tutti i colori

Babbo Natale vestito di bianco
porta i tuoi doni a chi è forte a chi è stanco,
porta i tuoi doni
che son sempre veri,
Babbo Natale di oggi e di ieri.
   Rit. Tanti auguri a tutto il mondo
         tanti auguri con un girotondo.
Babbo Natale vestito di giallo
porta i tuoi doni a chi è brutto a chi è bello,
porta i tuoi doni a grandi e piccini,
Babbo Natale che ami i bambini.
    Rit.
Babbo Natale vestito di rosso
porta i tuoi doni con un cesto grosso,
porta i tuoi doni a tutta la terra,
Babbo Natale che non vuoi la guerra.
   Rit.
Babbo Natale vestito di verde
porta i tuoi doni a chi vince a chi perde,
porta i tuoi doni a chi parla a chi tace,
Babbo Natale che ami la pace.
   Rit.
Babbo Natale vestito di blu
porta i tuoi doni a chi vuoi tu,
porta i tuoi doni a chi è dentro a chi è fuori,
Babbo Natale che ami i colori.
   Rit.
Babbo Natale vestito di viola
porta i tuoi doni con una carriola,
porta i tuoi doni ai lontani e ai vicini,
Babbo Natale che fai sognare i bambini.
   Rit.
Babbo Natale vestito di nero
porta i tuoi doni dal cielo nero,
porta i tuoi doni nella notte Santa,
Babbo Natale che poi vai in vacanza.
   Rit.

Babbo Natale Bianco, Giallo, Rosso, Verde, Blu, Viola e Nero
sinforosa castoro

lunedì 17 dicembre 2012

Verso il Natale

A grandi passi ci stiamo avvicinando al Santo Natale. Siamo tutti presi dalle tante cose da fare, oltre alle solite: allestire presepe e albero, abbellire la casa con addobbi, cercare regali per parenti, amici e colleghi, programmare il pranzo o la cena della vigilia, insomma, cerchiamo di non farci sopraffare da tutte queste cose, fermiamoci un attimo e cerchiamo di mettere bene a fuoco perché facciamo tutto questo.
Quando chiedo ai miei bimbi di tre anni:
«Perchè per strada ci sono le luminarie? Perché fate il presepe, l'albero? ... eccetera eccetera» loro mi rispondono :
«Perché è Natale».
E io, di rimando : «Ma cosa succede a Natale?». Loro mi rispondono con una serie di riferimenti: «Vado dalla nonna a mangiare... Viene Babbo Natale... Si mangia il pandoro... » e via discorrendo, ma quando faccio la fatidica domanda: «Cosa succede a Natale?» agli stessi bambini, che però ora hanno cinque anni, loro mi rispondono prontamente: «Nasce Gesù».
Ecco, loro hanno compreso che le luminarie, il presepe, l'albero, i regali, il pranzo e la cena, si "fanno" perché nel mondo nasce il Figlio di Dio, l'Emmanuele, il Dio con noi.
Cerchiamo di ricordarlo anche noi adulti.


sinforosa castoro

giovedì 13 dicembre 2012

Santa Lucia, grazie

Sìììì... EVVIVAAAA, è arrivata, non solo nelle case, anche a scuola. Guardate un po'


GrazieUn bacione a te


e un abbraccio al tuo

sinforosa castoro

mercoledì 12 dicembre 2012

La notte di Santa Lucia

Avete visto la novità? E' cambiato lo sfondo del blog perché ormai siamo nel pieno del clima natalizio. Finalmente ci siamo, questa notte arriverà Santa Lucia, avete sentito il suo campanello? Oggi è passata anche dalla  scuola e tutti i bambini l'hanno sentita arrivare, meno male che eravamo in aula a fare disegni stupendi sui presepi che abbiamo visto stamattina.
Mi raccomando, bambini e bambine, andate a letto presto, prima, però, ricordatevi di mettere fieno e acqua per l'asinello.
Ciao a tutti e da domani, se vorrete, raccontatemi che cosa vi ha portato, anche con disegni, che pubblicherò.


sinforosa castoro

martedì 11 dicembre 2012

Santa Lucia

Santa Lucia bella
dei bimbi sei la stella
per il mondo vai e vai
e non ti stanchi mai.
Tu vieni quando è sera
quando l'aria si fa nera
e vieni con l'asinello
al suon del campanello
e porti dolci e doni a
a tutti i bimbi buoni.


sinforosa castoro

lunedì 10 dicembre 2012

Fra tre giorni arriverà Santa Lucia

Fra pochi giorni, esattamente tre, arriverà Santa Lucia.
Ci sono luoghi dove arriva Babbo Natale, luoghi dove arriva la Befana, ebbene, qui da noi arrivano tutti e tre, ma la prima, la più attesa, la più amata è proprio lei, Santa Lucia.
Arriva di notte col suo asinello carico di giochi e dolci per tutti i bimbi buoni. Le sere precedenti, Santa Lucia, passa col suo campanello per avvertire i bambini che è vicina e i bambini a quel suono zittiscono, facendo facce di stupore e contentezza.
La sera precedente, il 12 Dicembre, ogni bambino prepara un po' di fieno, una carota e una tazza d'acqua per il povero asinello, affamato e stanco del viaggio, mentre la mamma prepara la tazzina del caffè per accogliere Santa Lucia con qualcosa di caldo.
Quando fuori la nebbia è fitta si pone sul davanzale una candela per illuminare la via e poi... tutti a letto, sotto le coperte, soffici e calde, in trepidante attesa.
Che stupore la mattina seguente quando il tavolo sarà ricoperto di giocattoli e dolcetti natalizi; un ricordo che rimarrà impresso per tutta la vita.
1° Parte


sinforosa castoro

domenica 9 dicembre 2012

Angioletto del mio Dio

A scuola stiamo parlando del Natale e non può mancare la figura dell'Angelo che va da Maria per chiederle se vuole diventare la mamma di Gesù. Ebbene, una bella preghierina che i bambini e bambine amano cantare e pregare è questa:




Angioletto del mio Dio
che fai tu vicino a me?
Che fai tu vicino a me?
Sono l'Angelo del Signore,
son l'amico del tuo cuore,
quando vegli e quando dormi
sempre sempre son con te.
Sempre sempre son con te...

giovedì 6 dicembre 2012

Il messaggio in bottiglia


Tanti anni fa, in riva al mare, una bella bambina pensò di scrivere un messaggio e affidarlo al mare. Prese a girare per la spiaggia in cerca di una foglio di carta e di una bottiglia, purtroppo anche allora la gente lasciava sulla spiaggia tutto ciò che non dovrebbe lasciare e, infatti, poco dopo li trovò. La carta era una pagina un po' ingiallita, un po' stropicciata e non era nemmeno ben squadrata - forse di un quaderno che fu di un bambino - pensò, ma per scrivere un messaggio andava benissimo, mentre la bottiglia era del succo di frutta, di quelle che si usavano una volta e che adesso forse non ci sono neanche più...

domenica 2 dicembre 2012

Parole... parole... parole...

E' stato il mio primo post datato 22 novembre 2012, non posso certo dimenticarlo. Purtroppo con un click di troppo l'ho eliminato; rieccolo, ricomposto forse in modo diverso.
Questo è un mondo di parole, tutti parlano ma ben pochi ascoltano, ecco perché spesso le parole sono gettate al vento, come se non avessero importanza e invece...
Invece ogni parola ha il suo peso e la sua importanza.
Impariamo a dare peso alle parole e, soprattutto, impariamo ad ascoltarle, le parole.


sinforosa castoro

Una parola di speranza

Sono appena rientrata. Per le strade illuminate persone infreddolite, con le sciarpe tirate su fin al naso, a sbirciare nelle vetrine tirate a lucido e agghindate a festa. Nella lavanderia a gettoni,  vetri umidi e gocciolanti, un mucchio di persone in attesa che il lavaggio finisca; ma, mi dico, è proprio necessario trascorrere il pomeriggio della domenica a sballonzolare di qua e di là a vuoto o stare seduti su una poltroncina in similpelle rossa fra nuvole di vapore ad aspettare che la grande lavatrice finisca di lavare le nostre sporcizie? Nooo! Meglio un momento di raccoglimento in una chiesa semibuia per fare un po' il punto della situazione o dire una parola di speranza a chi ormai l'ha perduta, non credete? Soprattutto in questa giornata in cui la Chiesa ci invita a guardare a quel Bambino portatore di speranza. Sarebbe bello sapere cosa ne pensate.

sinforosa castoro

sabato 1 dicembre 2012

Biscotti al cioccolato

Perché non preparare dei buonissimi biscotti al cioccolato per domani, Domenica, e festeggiare così l'inizio dell'Avvento? E allora ecco la ricetta:
200 grammi cioccolato fondente
200 grammi di farina
100 grammi di burro
100 grammi di zucchero
2 uova intere
mezza bustina di lievito
sale qb.
Unire le uova con lo zucchero e sbattere bene, sono certa che se lo chiedete al vostro bambino o bambina lo farà certamente con entusiasmo, e in più  è un'occasione per far comprendere, in modo semplice, la trasformazione della materia. Intanto in un pentolino fate sciogliere il cioccolato e il burro. Unire questo al composto precedente, aggiungere la farina e il lievito e mescolare il tutto molto bene. Lasciare riposare 1 ora in frigorifero e poi... ecco il divertimento per i vostri bambini: fatevi aiutare a stendere l'impasto col mattarello e poi con le formine fate una montagna di biscotti.
In forno per 10 minuti a 180°; ne sento già il profumo.


sinforosa castoro

martedì 27 novembre 2012

Dal racconto... alla forma... al colore

Dopo un brevo racconto...
quaderno e pennarelli e... la storia prende forma e colore. Che artisti, eh?



































sinforosa castoro

lunedì 26 novembre 2012

Beato te galletto...

Beato te galletto che non vai a lavorare
ti svegli la mattina chicchirichì cominci a fare:
chicchirichì chicchirichì
è spuntato il nuovo dì,
chicchirichì chicchirichì
è spuntato il nuovo dì.
Beata te gallina che non vai a lavorare
ti svegli la mattina coccodè cominci a fare:
coccodè coccodè
voglio il mondo tutto per me,
coccodè coccodè
voglio il mondo tutto per me.
Beato te pulcino che non vai a lavorare
ti svegli la mattina pio pio cominci a fare:
pio pio, pio pio
voglio il mondo tutto mio
pio pio, pio pio
voglio il mondo tutto mio.


Chi ha figli in età di scuola dell'infanzia conosce bene questa famosa e bella canzoncina (fatevela cantare), ma noi, si sa, al lavoro ci dobbiamo andare e allora: forza e coraggio e... buona settimana a tutti.

sinforosa castoro

domenica 25 novembre 2012

Un Sole oltre il grigio

Grigio, nebbiolina e freddo, ingredienti per una domenica da rintanati in casa, mentre fuori il mondo brulica. Festa di Cristo Re dell'Universo; con un sole così, un po' di grigio che male può fare?
"...  nel nome di Gesù ogni ginocchio si pieghi nei cieli, sulla terra e sottoterra... " (Filippesi 2,5-10).



sinforosa castoro

sabato 24 novembre 2012

Finalmente è sabato

Oggi è sabato e si ha più tempo per i figli e allora perché non fare qualcosa insieme a loro? Non è necessario fare grandi cose, a volte basta coinvolgerli in quello che stiamo facendo, per esempio preparare una ricetta. Perché non far lavare loro le foglie dell'insalata o mescolare l'impasto della torta o far loro rompere le uova o far strizzare la spugna che il papà sta usando per lavare la macchina? Poi ci sono i giocattoli sparsi ovunque o mescolati fra loro, basta proporre il riordino sotto forma di gioco e il gioco è fatto: «Le bambole stanno bene insieme, le macchinine divise dai lego,  i pupazzi e i dinosauri separati fra loro e i libri ben allineati sugli scaffali, in ordine di grandezza».
Anche così i bambini imparano, non solo le buone regole del vivere insieme nel rispetto degli altri, ma anche a classificare, a riconoscere elementi comuni, a riconoscere e individuare uguaglianze e differenze.

sinforosa castoro

venerdì 23 novembre 2012

In cucina: consiglio

Per ottenere una buona frolla, dopo aver impastato velocemente gli ingredienti, lasciare riposare in frigo per circa mezz'ora; la crostata sarà buonissima.




sinforosa castoro

ULTIMI COMMENTI